Italia

Sistemi di Monitoraggio a uso Ospedaliero

 

SISTEMA DI MISURAZIONE DELLA CREATININA NOVA STATSENSOR™

In risposta alla sempre più frequente necessità di valutare la funzionalità renale in maniera semplice e veloce in vari contesti di Point of Care (POC), Nova Biomedical propone StatSensor Creatinine, un analizzatore palmare con biosensore miniaturizzato monouso per l’analisi della creatinina su sangue intero. Il sistema StatSensor Creatinine integra la nuova tecnologia brevettata Multi-Well™, nata dall’adattamento del sistema Nova per il monitoraggio glicemico in ambiente ospedaliero. La tecnologia avanzata di StatSensor rende finalmente possibile una valutazione semplice, rapida e accurata della funzionalità renale utilizzando campioni di sangue capillare ottenuti mediante digitopuntura direttamente al POC.
  • Misurazione della creatinina con un’accuratezza comparabile a quella dei test di laboratorio ospedaliero
  • Tasso di filtrazione glomerulare stimato (eGFR) con formula MDRD e formula di Cockcroft-Gault
    Prelievo di sangue capillare (1,2 μL) mediante digitopuntura praticamente indolore
  • Veloce, risultati disponibili in 30 secondi
  • Ampio range di misurazione: da 27 μmol/L a 1.050 μmol/L (0,3-12 mg/dL)

CREATININA PIÙ EGFR PER UNA MIGLIORE VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITÀ RENALE

La misurazione della concentrazione di creatinina su sangue intero presenta dei limiti quando utilizzata da sola per valutare la funzionalità renale.

La creatinina è effettivamente il migliore test ematico singolo per la funzionalità renale, ma è influenzato da fattori quali età, sesso, razza e composizione della massa corporea. Una persona anziana, ad esempio, potrebbe arrivare a un dimezzamento della funzionalità renale prima che i livelli di creatinina oltrepassino il limite superiore dell’intervallo di normalità (ULN). Viceversa, l’eGFR può quasi dimezzarsi rispetto al livello normale prima che la concentrazione di creatinina oltrepassi l’ULN.

L’uso combinato dei parametri di creatinina e di eGFR fornisce uno strumento di valutazione della funzionalità renale più accurato e più sensibile rispetto al solo valore della creatinina. L’eGFR prende infatti in considerazione la concentrazione di creatinina e altre variabili, età, sesso, razza e composizione della massa corporea inclusi.

StatSensor calcola il tasso di filtrazione glomerulare (eGFR) mediante formula MDRD e la clearance della creatinina (CrCl) con formula di Cockcroft-Gault.

UN’ALTRA INNOVAZIONE TECNOLOGICA FIRMATA NOVA BIOMEDICAL, LEADER MONDIALE NEL CAMPO DELLE ANALISI SU SANGUE INTERO

Nova Biomedical è il leader tecnologico mondiale nello sviluppo di biosensori avanzati per analisi su sangue intero. Negli ultimi trent’anni, Nova ha introdotto 20 biosensori, incluso il primo biosensore del settore in grado di misurare direttamente i livelli di glucosio su sangue intero nel 1988 e il primo biosensore del settore in grado di misurare direttamente la creatinina su sangue intero nel 1996. Questi primi biosensori sono utilizzati di routine in migliaia di laboratori ospedalieri e per l’assistenza di area critica in tutto il mondo.
Nova ha ora integrato la tecnologia sfruttata dai biosensori per la creatinina in un sistema precalibrato monouso a perdere in grado di fornire risultati con un livello di qualità comparabile a quello dei test di laboratorio, direttamente al POC.

ANALISI DELLA CREATININA SEMPLICE E VELOCE DIRETTAMENTE AL POC

Senza calibrazione utente

I biosensori StatSensor sono immediatamente precalibrati e pronti all’uso.

  • Non richiedono operazioni pre-analisi sull’analizzatore o sul biosensore (ad es. l’uso di un reagente di calibrazione o l’inserimento di un codice di calibrazione nell’analizzatore).
  • L’eliminazione di questo passaggio di calibrazione fa di StatSensor uno strumento realmente più facile da utilizzare rispetto alla maggior parte dei dispositivi utilizzati a domicilio dai diabetici per l’automonitoraggio della glicemia.




Procedura di analisi semplice

L’utente viene accompagnato attraverso l’intera procedura di analisi mediante le indicazioni ad alta leggibilità sul luminoso display a colori del dispositivo StatSensor.
  1. Inserire il sensore nel dispositivo
  2. Pungere il dito per ottenere la fuoriuscita di una goccia di sangue
  3. Applicare la goccia di sangue sulla striscia
  4. Leggere i risultati relativi alla creatinina
Risultati della creatinina in soli 30 secondi La valutazione della funzionalità renale può essere effettuata in tempo reale al POC, consentendo di accelerare l’avvio dei trattamenti per i quali è necessaria una valutazione renale preliminare.
La combinazione creatinina più eGFR permette una migliore valutazione della funzionalità renale

StatSensor è in grado di calcolare l’eGFR utilizzando due formule distinte. I risultati relativi a eGFR e creatinina vengono visualizzati insieme agli intervalli di normalità.
I risultati che si discostano dai valori normali vengono chiaramente contrassegnati mediante codifiche cromatiche, indicazioni testuali o simboli.
Semplificato per l’uso da parte del personale al POC

StatSensor può essere utilizzato da infermieri, tecnici di radiologia e altro personale non di laboratorio.
Prelievo di sangue capillare praticamente indolore

StatSensor utilizza un campione di sangue estremamente ridotto di 1,2 microlitri (meno di una goccia). I campioni possono essere prelevati in maniera praticamente indolore praticando una puntura al polpastrello con lo stesso tipo di lancette utilizzate dai diabetici a domicilio per l’automonitoraggio della glicemia, senza necessità quindi di effettuare un prelievo di sangue venoso o di interpellare un flebotomista.

ACCURATEZZA COMPARABILE A QUELLA DEI TEST DI LABORATORIO OSPEDALIERO

L’analisi al POC è spesso eseguita sui pazienti ospedalieri nelle condizioni più critiche e i risultati possono essere utilizzati per formulare decisioni terapeutiche immediate. L’analisi al POC richiede prestazioni analitiche dotate della medesima accuratezza e precisione delle analisi condotte nel laboratorio ospedaliero, prestazioni ora rese possibili dalla tecnologia avanzata di StatSensor.
Analisi StatSensor su sangue intero vs. analisi da laboratorio centrale con metodo di riferimento plasmatico (enzimatico)

StatSensor Whole Blood vs Central Laboratory
Plasma Reference Method (Enzymatic)

StatSensor misura ed elimina l’interferenza legata all’ematocrito

Le misurazioni effettuate su campioni di sangue intero sono soggette a interferenze correlate ai livelli variabili di ematocrito del campione. Uno dei tre pozzetti di misurazione di StatSensor misura i livelli variabili di ematocrito e li corregge. Ciò consente di ottenere risultati accurati in un ampio range di valori di ematocrito.

POSSIBILITÀ DI INTERFACCIARSI CON I SISTEMI INFORMATIVI OSPEDALIERI E DI LABORATORIO

Il software NovaNet™ Desktop combinato con un ventaglio di sistemi software di interfacciamento e gestione dei dati offre soluzioni complete di connettività, gestione e controllo per l’analisi al POC con StatSensor. Questi sistemi permettono di disporre di strumenti fondamentali per un’efficace analisi al POC, tra cui:

  • Interfaccia LIS/HIS e gestione connettività
  • Gestione dei dati del paziente e dei dati di CQ
  • Compliance regolatoria mediante log di controllo, rapporti e record

PER LA RADIOLOGIA E LA CATETERIZZAZIONE CARDIACA

Rischio minimizzato di nefropatia da mezzo di contrasto
La nefropatia da mezzo di contrasto (mdc) è la terza causa più comune di insufficienza renale acuta nei pazienti ospedalizzati. La nefropatia da mdc è associata a una più lunga degenza ospedaliera, a eventi cardiaci avversi e a un alto tasso di mortalità. Un numero crescente di procedure di imaging richiede l’uso di un mezzo di contrasto endovenoso, e la popolazione di pazienti sottoposti a tali procedure diventa progressivamente più anziana e più esposta a condizioni preesistenti. La possibilità di analizzare la creatinina in maniera rapida e semplice direttamente al POC offre diversi benefici:

  • StatSensor è in grado di ridurre al minimo il rischio di nefropatia da mdc fornendo una valutazione completa del danno renale prima dell’avvio dell’esame di imaging con mdc.
  • Una valutazione renale completa consente di prendere in considerazione eventuali strategie di protezione renale.
  • Il test può essere eseguito facilmente dal personale di radiologia.

Il principale fattore di rischio per la nefrotossicità da mdc si identifica in una disfunzione renale preesistente, in particolare una nefropatia diabetica.
Migliore produttività e un flusso di lavoro più efficiente
La radiologia e i laboratori di emodinamica sono reparti ad alta specializzazione e costosi. Le procedure sono oggetto di un’attenta pianificazione per garantire un uso efficiente del personale e delle sale, in un’ottica di contenimento dei costi. I pazienti che si presentano per procedure di imaging con mdc senza essersi prima sottoposti a una valutazione renale devono essere inviati al laboratorio per l’analisi della creatinina.

  • La necessità di attendere i risultati di creatinina/eGFR dal laboratorio può ritardare la procedura di ore o addirittura rendere necessario il rinvio ad altra data, scenari che si traducono in una perdita di produttività.
  • L’esecuzione del test per creatinina/eGFR al POC mediante StatSensor permette di evitare simili interruzioni della programmazione – dotate di un impatto economico non trascurabile – e la conseguente perdita di produttività a livello sia di personale sia di macchinari. Un test semplice ed economico con StatSensor può evitare la cancellazione o la riprogrammazione di un esame di imaging quando si rende necessaria un’analisi della funzionalità renale.
Maggiore soddisfazione del paziente

Quando il paziente si presenta all’appuntamento ma non sono disponibili informazioni sulla sua funzionalità renale possono verificarsi lunghe attese, se non addirittura la cancellazione e la riprogrammazione della procedura. Il paziente può essere costretto ad aspettare per ore l’esito dell’analisi ematica per creatinina/eGFR o a tornare un altro giorno, non senza disappunto.

  • StatSensor permette una valutazione rapida della funzionalità renale in soli 30 secondi, in maniera praticamente indolore, mediante digitopuntura.
  • L’analisi al POC con StatSensor direttamente in reparto consente di non compromettere l’esperienza di cura del paziente quando si manifesta la necessità di valutare la funzionalità renale.

IN ONCOLOGIA

Riduzione dei rischi associati al trattamento farmacologico

Il danno renale è frequente nei pazienti oncologici, i quali si ritrovano esposti a un rischio elevato di tossicità renale farmaco-indotta. Tutto ciò presenta implicazioni per la scelta del farmaco e della posologia. Molti farmaci chemioterapici sono prescritti a una dose prossima alla dose terapeutica massima. La funzionalità renale permette di stabilire se sia necessario ridurre l’assunzione del farmaco o evitarla del tutto. Ciò vale in particolare per quei farmaci la cui clearance avviene principalmente a livello renale e per i farmaci la cui nefrotossicità è nota.

  • StatSensor permette di ottenere una valutazione accurata della funzionalità renale – eGFR incluso – in soli 30 secondi.
  • L’analisi con StatSensor può essere effettuata agevolmente nelle strutture di oncologia.
  • La sicurezza renale per i pazienti sottoposti a chemioterapia è garantita.

Dallo studio francese IRMA (Insuffisance Rénale et Médicaments Anticancéreux), che ha visto coinvolti più di 4.600 pazienti oncologici, è emerso che l’insufficienza renale è comune nei pazienti affetti da tumore, un problema ulteriormente aggravato dal fatto che la maggior parte dei farmaci chemioterapici è nefrotossica.
Riduzione dei rischi associati al trattamento farmacologico

Molti pazienti ambulatoriali in trattamento con chemioterapia necessitano di una valutazione della funzionalità renale prima dell’avvio della sessione chemioterapica. L’ottenimento di un campione di sangue venoso e l’invio al laboratorio per l’analisi di creatinina/eGFR può ritardare la chemioterapia di diverse ore, trasformando una sessione chemioterapica della durata di un paio d’ore in un impegno di un’intera giornata.

  • Con StatSensor è possibile ottenere un campione di sangue capillare e valutare la funzionalità renale in brevissimo tempo.
  • Maggiore soddisfazione del paziente. Niente più lunghe attese, a vantaggio della soddisfazione del paziente.

IN PRONTO SOCCORSO

Migliore triage e gestione più rapida del paziente

Diversi protocolli di gestione dei pazienti in pronto soccorso – ad esempio i protocolli per i casi di dolore toracico e ictus – possono richiedere una rapida valutazione della funzionalità renale ai fini del triage e della successiva esecuzione delle procedure radiologiche. Numerosi altri protocolli in PS richiedono la somministrazione tempestiva di farmaci e l’aggiustamento del dosaggio in base alla funzionalità renale. StatSensor permette di ottenere una valutazione accurata della funzionalità renale con un semplice test di 30 secondi, eseguibile senza difficoltà in PS.
In terapia intensiva

L’insufficienza renale acuta è un quadro di frequente riscontro nei pazienti ricoverati in terapia intensiva. I risultati di uno studio multinazionale suggeriscono che il 5-6% dei pazienti in terapia intensiva sia interessato da insufficienza renale acuta con necessità di terapia renale sostitutiva. La mortalità per insufficienza renale acuta in terapia intensiva può raggiungere il 70%. Il tempismo con cui tale condizione viene identificata e gestita è fondamentale per ridurre la morbilità e la mortalità associate.

  • Il dispositivo StatSensor con rilevazione di creatinina ed eGFR consente una valutazione in tempo reale della funzionalità renale con un semplice test di 30 secondi.
  • L’analisi può essere condotta al letto del paziente dal personale infermieristico o da un altro operatore al POC.

i nostri valori

10 valori fondamentali hanno segnato il cammino del nostro Gruppo.

LEGGI TUTTO »